sabato, Maggio 15, 2021

RECANATI 1884 – piccole pillole di storia cittadina a cura di Andrea Marinelli

RECANATI 1884 – piccole pillole di storia cittadina a cura di Andrea Marinelli

Il complottismo ai tempi del colera   e di quando  il Consiglio Comunale di Recanati Inviava un telegramma al Re

Nell’autunno del 1884 il colera colpì duramente la città di Napoli, suscitando la commozione di tutta l’Europa, visto che in poco più di due mesi morirono oltre 7.000 persone, con la diffusione del morbo che inoltre mise a nudo le miserevoli condizioni igienico sanitarie nelle quali vivevano soprattutto gli abitanti, dai 30 ai 90 mila, dei fondaci, le grotte urbane definite dal medico svedese Alex Munthe “le più terrificanti abitazioni sulla faccia della Terra”. Eppure la drammaticità della situazione spinse una  popolazione disperata verso la ricerca di un capro espiatorio che potesse esorcizzare le sue paure. Iniziò a circolare la diceria che il colera fosse stato diffuso dal governo per liberarsi dei più poveri e dei più miserabili. Scoppiarono così una serie di disordini e si scatenò una vera e propria caccia all’untore nella quale rischiò il linciaggio proprio Alex Munthe, che al contrario era lì come medico volontario. Pagò sicuramente il fatto di essere straniero in tempi tanto difficili e fu salvato solo grazie all’intervento di un boss della camorra al quale il medico svedese aveva guarito la figlia. Per calmare la situazione dovette intervenire direttamente Umberto I che scese a Napoli in compagnia del primo ministro Agostino De Pretis. Il re schivo del pericolo si avventurò, così come aveva fatto Pio IX a Roma tra i lazzaretti, fino ai quartieri più degradati e severamente colpiti dal morbo , guadagnandosi l’ammirazione generale del Paese.

Lo stesso Consiglio Comunale di Recanati, su proposta del sindaco Vincenzo Ortolani, decise di inviare un telegramma di congratulazioni al sovrano “per la dimostrazione di abnegazione ed amor patrio in mezzo alla infelice Napoli” e nel quale lo invitava a fare uso di una maggiore prudenza “per preservare la sua preziosissima vita”. Il re comunque dalla sua visita a Napoli capì che bisognava intervenire in modo drastico, tanto che nel gennaio del 1885 venne emanata la “Legge Napoli” che stanziava fondi per ricostruire tutto il sistema fognario e rivoluzionare l’assetto urbanistico, cancellando i vicoli stretti e interi quartieri degradati. Per costruire corso Umberto I venne sventrata tutta la parte medievale della città suscitando le ire di Matilde Serao. La “legge Napoli” però costituì un modello anche per le altre principali città italiane che sfruttando i fondi ministeriali messi a disposizione rivoluzionarono i propri centri urbani migliorando le condizioni igieniche generali e contribuendo alla progressiva estinzione del terribile colera.

La stessa Recanati cambiò radicalmente con i letamai che sparirono dal centro storico, mentre ad ogni abitazione venne imposta l’annessione di una latrina e venne scavata un’efficiente rete fognaria che cancellò i rivoli di acque scure che infestavano le principali arterie cittadine. I complottisti al contrario continuarono a sopravvivere e proliferare, tanto che al giorno d’oggi possiamo fare quotidianamente conoscenza con i loro discendenti digitalizzati e forse ancora più pericolosi.

Related Articles

SOFIA. Bulgaria. Oggi compie 60 anni Emil Dimitrov. Ha tradotto I CANTI e ha fatto conoscere Recanati nel suo Paese. AUGURI!

Oggi compie sessant'anni l' Amico Emil ...tanti giorni passati insieme a parlare di Leopardi. E' traduttore in lingua bulgara delle poesie di Leopardi e...

JESI. “Jesi, la tua città da vivere, da Associazione “Jesi città da vivere

Comunicato stampa da Associazione "Jesi città da vivere “Jesi, la tua città da vivere” Pochi click e due minuti di tempo per rendere Jesi più bella...

Comune di Recanati. CONFERENZA STAMPA ARTE PER IL BENE COMUNE  Nel Segno di Joseph Beuys

 INVITO CONFERENZA STAMP ARTE PER IL BENE COMUNE  Nel Segno di Joseph Beuys SABATO 15 MAGGIO ORE 11, AULA MAGNA  PALAZZO COMUNALE Piazza Giacomo Leopardi  - RECANATI Presentazione della...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Ultime notizie

SOFIA. Bulgaria. Oggi compie 60 anni Emil Dimitrov. Ha tradotto I CANTI e ha fatto conoscere Recanati nel suo Paese. AUGURI!

Oggi compie sessant'anni l' Amico Emil ...tanti giorni passati insieme a parlare di Leopardi. E' traduttore in lingua bulgara delle poesie di Leopardi e...

JESI. “Jesi, la tua città da vivere, da Associazione “Jesi città da vivere

Comunicato stampa da Associazione "Jesi città da vivere “Jesi, la tua città da vivere” Pochi click e due minuti di tempo per rendere Jesi più bella...

Comune di Recanati. CONFERENZA STAMPA ARTE PER IL BENE COMUNE  Nel Segno di Joseph Beuys

 INVITO CONFERENZA STAMP ARTE PER IL BENE COMUNE  Nel Segno di Joseph Beuys SABATO 15 MAGGIO ORE 11, AULA MAGNA  PALAZZO COMUNALE Piazza Giacomo Leopardi  - RECANATI Presentazione della...

RIPE SAN GINESIO (MC). Le poesie di Riccardo Amicuzi. L’Associazione Culturale “San Ginesio” e il Centro di Lettura “Arturo Piatti”

L’Associazione Culturale “San Ginesio” e il Centro di Lettura “Arturo Piatti” di Ripe San Ginesio (MC), in occasione della Campagna Nazionale di promozione della...

Un libro al giorno. L’Assedio Invisibile. Diario di una missione di pace molto particolare  di Andrea Angeli

L’Assedio Invisibile Diario di una missione di pace molto particolare di Andrea Angeli prefazione di Toni Capuozzo      (Rubbettino) Gli alpini non mollano mai, dall’Ortigara al Kosovo,...