mercoledì, Gennaio 19, 2022

Un libro al giorno. La piscia della Befana, di Nicola Cinquetti. Vita di Giacomo Leopardi bambino in cui si narra l’infanzia del Conte di Recanati

 La piscia della Befana. Vita di Giacomo Leopardi bambino di Nicola Cinquetti. In cui si narra l’infanzia del Conte di Recanati partendo appunto da una lettera goliardica che il piccolo Leopardi scrisse alla Marchesa Volumnia Roberti.
Di seguito riportiamo il testo integrale della lettera che il poeta scrisse alla Marchesa.

Il testo della lettera di Giacomo Leopardi alla Marchesa Roberti

A Volumnia Roberti
Carissima signora
Giacché mi trovo in viaggio volevo fare una visita a Voi e a tutti li Signori Ragazzi della Vostra Conversazione, ma la neve mi ha rotto le tappe e non mi posso trattenere.
Ho pensato dunque di fermarmi un momento per fare la piscia nel vostro portone, e poi tirare avanti il mio viaggio. Bensì vi mando certe bagattelle per cotesti figliuoli, acciocché siano buoni ma ditegli che se sentirò cattive relazioni di loro, quest’altro anno gli porterò un po’ di merda. Veramente io voleva destinare a ognuno il suo regalo, per esempio a chi un corno, a chi un altro, ma ho temuto di dimostrare parzialità, e che quello il quale avesse li corni curti invidiasse li corni lunghi.
Ho pensato dunque di rimettere le cose alla ventura, e farete così. Dentro l’anessa cartina trovarete tanti biglietti con altrettanti Numeri. Mettete tutti questi biglietti dentro un Orinale, e mischiateli bene bene con le vostre mani. Poi ognuno pigli il suo biglietto, e veda il suo numero. Poi con l’anessa chiave aprite il Baulle. Prima di tutto ci trovarete certa cosetta da godere in comune e credo che cotesti Signori la gradiranno perche sono un branco di ghiotti. Poi ci trovarete tutti li corni segnati col rispettivo numero. Ognuno pigli il suo, e vada in pace. Chi non è contento del Corno che gli tocca, faccia a baratto con li Corni delli Compagni. Se avvanza qualche corno lo riprenderò al mio ritorno. Un altr’Anno poi si vedrà di far meglio.
Voi poi Signora Carissima avvertite in tutto quest’Anno di trattare bene cotesti Signori, non solo col Caffè che già si intende, ma ancora con Pasticci, Crostate, Cialde, Cialdoni, ed altri regali, e non siate stitica, e non vi fate pregare, perche chi vuole la conversazione deve allargare la mano, e se darete un Pasticcio per sera sarete meglio lodata, e la vostra Conversazione si chiamarà la Conversazione del Pasticcio. Frattanto state allegri, e andate tutti dove io vi mando, e restateci finche non torno ghiotti, indiscreti, somari scrocconi dal primo fino all’ultimo.
La Befana

(Recanati – 6 gennaio 1810)

Secondo l’analisi del professor Francesco Moroncini, uno dei più importanti critici dell’opera leopardiana, può darsi che la lettera non fu mai recapitata alla destinataria. In particolare Moroncini fa riferimento alla
soverchia libertà del dettato, e specialmente alcune parole di crudo realismo”, che avrebbero trattenuto i genitori di Leopardi “dal dare esecuzione allo scherzo, per quanto innocente” (Fonte).

Storicamente è noto che il Conte Monaldo Leopardi animasse il salotto della Marchesa Volumnia Roberti con discussioni filosofiche al quale il piccolo Giacomo era costretto, suo malgrado, a presenziare.
Leopardi infatti non gradiva il salotto della Marchesa né tantomeno i suoi figlioletti che spesso lo schernivano per via del suo aspetto. Decise di vendicarsi quindi di quel supplizio scrivendo una lettera goliardica dalla quale emerge tuttavia già il carattere cinico e a tratti altezzoso del Leopardi maturo. Nella lettera Leopardi, sfruttando la personificazione della Befana, attua la sua vendetta anche sui figli della Marchesa ai quali intende destinare alcune “bagatelle” e che definisce come un branco di golosi, scrocconi, somari.

Nel testo, il Conte bambino utilizza un linguaggio volgare e scurrile che lascia perplessi i lettori del poeta di Recanati, di certo molto diverso dai termini aulici che caratterizzano le liriche più celebri di una delle figure più importanti della letteratura mondiale.

Tuttavia fa sorridere leggere oggigiorno queste parole irriverenti e scherzose scritte da Leopardi che si firma infantilmente “La Befana”. Ci ricorda che anche i grandi sono stati bambini una volta.

Related Articles

RECANATI. PNRR Sanità: il Sindaco Bravi chiede alla Regione i progetti per la gestione dei 72 milioni di euro previsti per l’Area Vasta 3

  RECANATI. COMUNICATO STAMPA 19 gennaio 2022   RECANATI. PNRR Sanità: il Sindaco Bravi chiede alla Regione i progetti per la gestione dei 72 milioni di euro...

L’asteroide 1994 PC1, questo il suo nome, passerà vicino (si fa per dire!) alla Terra il 18 gennaio

L'asteroide 1994 PC1, questo il suo nome,  passerà vicino (si fa per dire!)  alla Terra  il 18 gennaio In considerazione delle sue dimensioni (un chilometro)...

E’ scoccato l’anno 2022 e a grandi passi ci si avvicina all’apertura del Granfondo Marche. La prima di queste sei perle sarà la Granfondo...

La prima di queste sei perle sarà la Granfondo Leopardiana DIPA (https://www.fondoleopardiana.com/), edizione numero 24, in programma nella poetica Recanati domenica 27 marzo (clicca qui...
- Advertisement -

Ultime notizie

RECANATI. PNRR Sanità: il Sindaco Bravi chiede alla Regione i progetti per la gestione dei 72 milioni di euro previsti per l’Area Vasta 3

  RECANATI. COMUNICATO STAMPA 19 gennaio 2022   RECANATI. PNRR Sanità: il Sindaco Bravi chiede alla Regione i progetti per la gestione dei 72 milioni di euro...

L’asteroide 1994 PC1, questo il suo nome, passerà vicino (si fa per dire!) alla Terra il 18 gennaio

L'asteroide 1994 PC1, questo il suo nome,  passerà vicino (si fa per dire!)  alla Terra  il 18 gennaio In considerazione delle sue dimensioni (un chilometro)...

E’ scoccato l’anno 2022 e a grandi passi ci si avvicina all’apertura del Granfondo Marche. La prima di queste sei perle sarà la Granfondo...

La prima di queste sei perle sarà la Granfondo Leopardiana DIPA (https://www.fondoleopardiana.com/), edizione numero 24, in programma nella poetica Recanati domenica 27 marzo (clicca qui...

Bcc Recanati e Colmurano: nel 2021 erogati 300mila euro di prestiti universitari

Bcc Recanati e Colmurano: nel 2021 erogati 300mila euro di prestiti universitari Molto positivo il risultato raggiunto dalla BCC Recanati e Colmurano nel 2021, che ha erogato...

Epidemie e pandemie. Ambiente e contagi nel tempo (sec. XIX-XXI). Una ricerca di Rossano Morici

Una ricerca del Dott. Rossano Morici dalla Biblioteca Comunale di Senigallia... Epidemie e pandemie. Ambiente e contagi nel tempo (sec. XIX-XXI). Di Rossano Morici La ricerca...