venerdì, Maggio 27, 2022

DANTEDI’-Le frasi più famose diventate oggi modi di dire

DANTEDI’-Le frasi più famose diventate oggi modi di dire

Oggi 25 marzo ricorre il Dantedì, la giornata nazionale dedicata al Sommo Poeta Dante Alighieri. Celebriamo Dante attraverso i versi più celebri della Divina Commedia diventati a tutti gli effetti dei modi di dire che sono ormai parte integrante del nostro parlato quotidiano.

Le frasi più famose di Dante Alighieri che oggi sono diventate dei modi di dire.

  • Nel mezzo del cammin di nostra vita
    Lo straordinario incipit della Divina Commedia è certamente uno dei versi più citati della letteratura mondiale. Con questa frase, citata nel primo canto dell’Inferno, Dante introduce il lettore all’opera, lo rende immediatamente partecipe: l’uso del termine “nostra” infatti vuole sottolineare che Dante intraprende questo viaggio rappresentando l’intera umanità.

Oggi la frase nel parlato comune viene utilizzata soprattutto come metafora per sottolineare il percorso della vita: “siamo nel mezzo del cammino della vita”, o per intendere la fascia d’età tra i trenta e i quarant’anni, considerata appunto la fase di mezzo tra gioventù e vecchiaia.

  • Per me si va ne la città dolente
    Siamo nel Canto III dell’Inferno. Dante e Virgilio si trovano nell’Antinferno dove scorre il macabro fiume Acheronte.
    Le parole impresse sulla porta ammoniscono i due viandanti che stanno per varcare un luogo di pena e di dolore dal quale non si fa ritorno.
    Oggi l’espressione è utilizzata come metafora per indicare l’inizio di un periodo di pene o il dovere di recarsi a un appuntamento sgradito.
  • Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate
    Gli ultimi versi scolpiti sulla porta d’ingresso dell’Inferno recitano queste parole che suonano come una condanna. Siamo nel Canto III dell’Inferno e Dante e Virgilio si apprestano a varcare la soglia della porta infernale. L’iscrizione li ammonisce ricordando loro che le pene infernali sono eterne, le anime che si accingono a entrare in quel luogo si preparano a vivere punizioni e tormenti senza fine.
    Oggi la frase viene usata soprattutto con ironia per indicare una situazione “senza speranza” oppure la fine di ogni speranza e consolazione.
  • Vuolsì così colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare

Canto III dell’Inferno. La frase viene ripetuta da Virgilio per ben due volte nel dialogo con il traghettatore infernale Caronte.
Caronte aveva invitato Dante a tornare indietro e a non inoltrarsi nell’esplorazione del regno dei morti, ma Virgilio lo redarguisce con queste parole ammonendolo a non chiedere altro.
La perifrasi “colà dove si puote ciò che si vuole” indica il Paradiso, dove si trovano coloro che hanno comandato il viaggio di Dante.

Il significato traducibile nell’espressione: “Questa è la volontà di chi detiene il potere, non chiedere altro”.
Nel linguaggio comune oggi viene utilizzata per invitare, in maniera elegante, una persona a non insistere e a non fare troppe domande su una determinata questione.

  • Non ragioniam di lor, ma guarda e passa (specificare che non è Non ti curar di loro, ma guarda e passa)
    Si tratta della diciassettesima terzina del Canto III dell’Inferno. La frase è pronunciata da Virgilio per consolare Dante. I due si trovano nel cerchio degli Ignavi, coloro che nella vita non hanno mai preso decisioni o affrontato responsabilità. Lo spirito di Dante disprezza fortemente persone di tal fatta, e il suo disprezzo passa attraverso le parole di Virgilio che lo invita a non lasciarsi prendere dal rancore ma ad andare oltre.
    Oggi la frase è spesso citata con la variante errata “Non ti curar di loro” che è entrata nel lessico comune, tuttavia non corrisponde all’originale.
    L’espressione viene utilizzata per invitare a non perdere tempo con persone meschine o non degne della nostra considerazione.
  • Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
    Siamo nel Canto V dell’Inferno e Dante, guidato da Virgilio, ha appena incontrato la coppia di amanti Paolo e Francesca condannati nel cerchio dei Lussuriosi a vagare trasportati da un vento perenne.
    Con questo verso Dante vuole sottolineare la potenza dell’amore. “Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende”, e cioè “l’amore, che divampa in un attimo nel cuore gentile”, è una forza potentissima, che supera la volontà dell’individuo e vince tutte le resistenze.
    Ancora oggi la frase viene citata nel linguaggio comune per descrivere l’amore come una forza inevitabile che tutto travolge e alla quale non è possibile opporsi.
  • Amor, ch’a nullo amato amar perdona
    Verso citatissimo e spesso riadattato in molte poesie e canzoni contemporanee. L’estratto è parte della celebre terzina del Canto V dell’Inferno che vede protagonista la coppia di amanti più tragica della letteratura, Paolo e Francesca.
    Il significato del celebre verso è che chi è amato è inevitabilmente condannato ad amare a sua volta. “Amore non perdona”, nel senso che non risparmia a nessuno che sia amato, e che quindi abbia ricevuto amore, di amare a sua volta.
    Una frase che racchiude la potenza inesorabile dell’amore e che continua a far struggere gli animi romantici.
  • Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse
    Siamo sempre nel Canto V dell’Inferno, nel cerchio dei lussuriosi. La celebre dichiarazione viene fatta per bocca di Francesca da Rimini che racconta a Dante la storia del suo amore per Paolo.
    Francesca narra la passione adultera per Paolo scoppiata all’improvviso mentre leggevano per diletto dell’amore tra Lancillotto e Ginevra. Il bacio adultero dei due personaggi invita i due lettori a imitarlo. Per questo Francesca afferma che «il libro» (il romanzo cavalleresco) è stato il “Galeotto” (era il siniscalco, il servitore della regina, che faceva da intermediario tra lei quest’ultima e i cavalieri, Ndr) tra lei e Paolo.
    Oggi usiamo la parola “galeotto” per indicare un “intermediario amoroso”.
  • La celebre terzina pronunciata da Ulisse nel Canto XXVI dell’Inferno: Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza” è la sintesi del profondo pensiero di Dante, il quale considerava la ricerca e il conseguimento delle virtù e della conoscenza, cioè del sapere trascendente, la vera ragione dell’esistenza umana.
    Oggi il verso viene più volte ripetuto come ammonimento per ricordare l’importanza dello studio e della cultura nella vita umana.
  • E quindi uscimmo a riveder le stelle
    Siamo nel Canto XXXIV dell’Inferno, per la precisione si tratta dell’ultimo verso dell’Inferno.
    Dante e Virgilio si sono lasciati alle spalle i gironi infernali, finalmente i due riescono a contemplare il cielo notturno e stellato dell’altro emisfero. Le stelle simboleggiano la speranza, da lì è visibile il cielo stellato: la tenebra infernale è ormai lontana. Da qui il percorso proseguirà verso il Purgatorio.
    Nel linguaggio comune la frase oggi indica l’inizio di una nuova speranza, la visione di un barlume di luce dopo le tenebre, la fine di un brutto periodo.
  • L’amor che move il sole e l’altre stelle
    Siamo in Paradiso, nel XXXIII Canto della Divina Commedia. Dopo una fugace visione di Dio, Dante sente che l’Amore divino sta ormai muovendo anche il suo desiderio e la sua volontà.
    In questo verso Dante racchiude il significato dell’intera opera, di Dio, dell’universo, del fatto che l’amore è il meccanismo all’origine del mondo e dell’esistenza stessa.
    Oggi la frase viene utilizzata come metafora dell’amore divino per descrivere l’esperienza di comunione totale con la vita e con l’universo.

Related Articles

Montelupone. Incendio nel piazzale antistante allo stabilimento ex Teuco

Montelupone. Incendio nel piazzale antistante allo stabilimento ex Teuco radio_erre 27 Maggio 2022    Prende fuoco il materiale posto all’esterno dello stabilimento ex Teuco nella zona industriale di...

Montelupone diventa “amico del turismo itinerante”..alla manifestazione anche il Teatro Instabile di Recanati con la performance LEOPARDI

Montelupone diventa “amico del turismo itinerante”..alla manifestazione anche il Teatro Instabile di Recanati con la performance LEOPARDI Domenica al teatro Nicola degli Angeli la consegna...

JESI. LA SCUOLA AL TEATRO “PERGOLESI”…“Come mi sento piccola!”…segreti e curiosità del Teatro Pergolesi di Jesi

LA SCUOLA A TEATRO, AL “PERGOLESI” DI JESI “Come mi sento piccola!”. Questa l’esclamazione di una bambina di una scuola primaria di Jesi, pronunciata sul palcoscenico...
- Advertisement -

Ultime notizie

Montelupone. Incendio nel piazzale antistante allo stabilimento ex Teuco

Montelupone. Incendio nel piazzale antistante allo stabilimento ex Teuco radio_erre 27 Maggio 2022    Prende fuoco il materiale posto all’esterno dello stabilimento ex Teuco nella zona industriale di...

Montelupone diventa “amico del turismo itinerante”..alla manifestazione anche il Teatro Instabile di Recanati con la performance LEOPARDI

Montelupone diventa “amico del turismo itinerante”..alla manifestazione anche il Teatro Instabile di Recanati con la performance LEOPARDI Domenica al teatro Nicola degli Angeli la consegna...

JESI. LA SCUOLA AL TEATRO “PERGOLESI”…“Come mi sento piccola!”…segreti e curiosità del Teatro Pergolesi di Jesi

LA SCUOLA A TEATRO, AL “PERGOLESI” DI JESI “Come mi sento piccola!”. Questa l’esclamazione di una bambina di una scuola primaria di Jesi, pronunciata sul palcoscenico...

MONTEFANO. La 5^ A della Scuola Primaria “Olimpia” di Montefano Prima Classificata nella Provincia di Macerata al Contest SCUOLA ATTIVA KIDS

La 5^ A della Scuola Primaria “Olimpia” di Montefano Prima Classificata nella Provincia di Macerata al Contest SCUOLA ATTIVA KIDS La Classe 5^ A della Scuola Primaria...

RECANATI. Nella ricorrenza del 2 giugno presso la Sala Cinematografica “Gigli” alle ore 21:30 proiezione del film GIOVANNA STORIA DI UNA VOCE

Nella ricorrenza del 2 giugno  Giovedì 02 giugno p.v., a  cura del Circolo del Circolo del Cinema Recanati presso la Sala Cinematografica “Gigli” alle ore 21:30 proiezione del...