lunedì, Febbraio 26, 2024

SENIGALLIA. Un nuovo interessante studio di Rossano Morici,

Gregor Johann Mendel. La meteorologia, l’ozono e l’isola di calore. Un nuovo interessante studio di Rossano Morici, da oggi disponibile in ebook nella sezione “Libri digitali” del nostro sito

22 Gennaio 2024

E’ stata pubblicata il 25 novembre 2023 su Ecomarche news, blog di arte, letteratura, storia, musica e scienza la ricerca di Rossano Morici dal titolo «Gregor Johann Mendel, meteorologia, ozono e isola di calore».

L’autore, per una descrizione più precisa della figura di Gregor Johann Mendel in qualità di meteorologo si è riferito all’articolo di Jarmila Burianová e Kevin Francis Roche, pubblicato il 5 dicembre 2022, a 200 anni dalla nascita del grande scienziato moravo; e alla raccolta di studi sulle osservazioni meteorologiche da lui effettuate a Brünn (attuale Brno della Repubblica Ceca) nella prima metà dell’Ottocento, a cura di Rudolf Brázdil, Hubert Valášek, Jarmila Macková (2005).

Non tutti conoscono Mendel come meteorologo, ma quasi tutti ricordano la sua fama di «padre postumo della genetica».
Dalla ricerca di Morici si apprende che Mendel iniziò nel 1857 ad effettuare le misurazioni ed osservazioni meteorologiche presso il monastero dei fratelli Agostiniani nella stessa città. Egli registrò le misurazioni e le osservazioni con molta attenzione, aggiunse note dettagliate e pubblicò i risultati sulla stampa dell’epoca, avendo cura anche di inviare tempestivi rapporti all’Istituto Meteorologico Centrale di Vienna.

Nell’elenco degli scritti dello scienziato moravo predominano quelli di meteorologia, che riportano non solo i risultati delle sue misurazioni, ma anche opere che descrivono dettagliatamente le basi fisiche dei fenomeni meteorologici; un esempio di ciò è il suo impegno per l’uso meteorologico dei dati al fine di fare previsioni molto utili per gli agricoltori. L’esaustiva rassegna dei lavori scientifici di Mendel mette in evidenza uno scienziato con elevate specializzazioni, capace di analizzare i singoli fenomeni nel quadro di un’ampia consapevolezza dei processi naturali su scala globale: un talento speciale per l’osservazione, l’accuratezza, l’applicazione e la precisione.

È importante ricordare come Mendel determinò i livelli di ozono (O3) nell’aria. Nello specifico, ha misurato la quantità di ozono che credeva fosse presente nell’aria della città di Brünn e di altre località vicine. Fu quindi tra i primi a preoccuparsi dei possibili danni che l’ozono poteva causare all’uomo, agli animali, alle piante nonché all’ambiente.
Per questo motivo Rossano Morici menziona anche una ricerca di Jan Munzar sull’inquinamento urbano, il quale cita gli studi condotti da Gregor Mendel sulla meteorologia e sulla presenza di ozono (determinato con il metodo Schönbein) in quattro città della Moravia e della Slesia: Teschen, Kremsier, Brünn e Iglau, nel 1863.

Il suo grande interesse per la meteorologia è confermato anche dal fatto che, grazie alle sue misurazioni, notò che la temperatura dell’aria nel centro della città era più alta di quella in periferia. Solo alcuni decenni dopo queste intuizioni, i meteorologi iniziarono ad interessarsi al fenomeno «dell’isola di calore urbana», termine coniato dallo stesso Mendel.
Anche questo lavoro merita di essere conosciuto da un pubblico più vasto ed è per questo motivo che inseriamo questa ricerca nel sito della nostra biblioteca accanto agli altri libri digitali.

La Direttrice della Biblioteca Antonelliana
Patrizia Gabbanelli

Gregor Johann Mendel. La meteorologia, l’ozono e l’isola di calore. Un nuovo interessante studio di Rossano Morici, da oggi disponibile in ebook nella sezione “Libri digitali” del nostro sito

 

Related Articles

Che tempo farà gli ultimi giorni di febbraio 2024

Che tempo farà gli ultimi giorni di febbraio 2024: neve, precipitazioni e temperature basse Dopo settimane di caldo anomalo, la fase finale di febbraio 2024...

Visti per laprima volta filamenti di Materia oscura

Gli scienziati ritengono che la materia oscura, che costituisce la maggior parte della massa dell’Universo, sia distribuita su larga scala come una rete di lunghi...

La mappa babilonese del mondo …

La mappa babilonese del mondo è incisa sulla superficie di una tavoletta tardo-babilonese conservata al British Museum (reperto BM 92687). Il manufatto è frammentario...
- Advertisement -

Ultime notizie

Che tempo farà gli ultimi giorni di febbraio 2024

Che tempo farà gli ultimi giorni di febbraio 2024: neve, precipitazioni e temperature basse Dopo settimane di caldo anomalo, la fase finale di febbraio 2024...

Visti per laprima volta filamenti di Materia oscura

Gli scienziati ritengono che la materia oscura, che costituisce la maggior parte della massa dell’Universo, sia distribuita su larga scala come una rete di lunghi...

La mappa babilonese del mondo …

La mappa babilonese del mondo è incisa sulla superficie di una tavoletta tardo-babilonese conservata al British Museum (reperto BM 92687). Il manufatto è frammentario...

Lupo contro lupo….

Quando un LUPO sta perdendo la lotta contro un altro lupo e capisce che non ha più possibilità di vincere, il lupo perdente offre...

Qual è il centro dell’universo?

Qual è il centro dell’universo? La risposta è assurda Quello che sappiamo è che l’universo si espande. Ma dentro cosa si espande? Ed esiste un...